Sei in: home

News

Eventi

Punto di partenza della cicloescursione è l’Albergabici, ex Casa Cantoniera Anas diventata centro visite del Parco Dune Costiere, con servizio di ospitalità, noleggio biciclette e ciclofficina.

Da qui, insieme alle guide della Cooperativa Serapia, inizieremo a pedalare lungo il tracciato dell’antica Via Traiana – la strada d’epoca romana che collegava Roma a Brindisi – tornando indietro nel tempo, sino alla preistoria, con la visita al Dolmen di Montalbano, mentre maestosi ulivi secolari ci guideranno fino agli specchi d’acqua retrodunali di fiume Morelli, a ridosso della lunga spiaggia sabbiosa che arriva a Torre Canne.

Sarà poi la volta delle scenografiche masserie fortificate del territorio di Ostuni:  masseria Torre Bianca, arroccata sull’omonima lama carsica, ci regalerà uno splendido panorama dall’alto, che va dall’altopiano delle Murge alla piana olivetata fino al mare Adriatico.

Info e dettagli

Percorso: lungo 15 km, di bassa difficoltà lungo strade brecciate e asfaltate a basso traffico veicolare.

Durata: dalle ore 9.30 alle ore 13.00.

Raduno: ore 9.30 presso l´Albergabici - ex Casa Cantoniera ANAS di Montalbano di Fasano (BR).

Coordinate geografiche:  N 40° 46´ 51.41´´ - E 17° 29´ 1.06´´ (Albergabici).

Note: sono consigliati abbigliamento comodo, scarpe da ginnastica e acqua.

Prenotazione obbligatoria: online sul sito www.cooperativaserapia.it o telefonando al numero 328 0151397 (Riccardo). 

Domenica 25 novembre 2018 alle ore 10,00 - Masseria il Frantoio

Giornata studio per riconoscere le erbe spontanee presenti negli oliveti millenari condotti con metodi biologici e censiti ai sensi della L.R. 14/2007 sulla tutela del paesaggio degli oliveti secolari di Puglia.

Il Parco delle Dune Costiere, la Condotta Slow food Piana degli Ulivi,la Masseria il Frantoio organizzano un’escursione tra i prati degli oliveti millenari della masseria Il Frantoio condotti con metodi biologici per scoprire le varietà di erbe spontanee eduli che la natura può regalarci. Giunto ormai alla sua nona edizione, l’evento è organizzatoin collaborazione con il Centro di Educazione Ambientale “Il Ginepro”, l’Associazione “Passo di Terra” e la Grecale Edizioni.

Imparare a riconoscere la flora spontanea locale commestibile ed i modi migliori per utilizzarla. Storie, curiosità, proprietà nutritive e tradizioni popolari delle principali piante spontanee commestibili verranno narrate da esperti e appassionati conoscitori di erbe selvatiche come Abele Lomascolo, Felice Tanzarella e Felice Suma autore del Quaderno del Parco “La Bontà delle Malerbe” edito dalla Grecale Edizioni disponibile presso i Centri Viste dell’Albergabici e Casa del Mare.

Al termine della passeggiata sarà possibile fermarsi a pranzo presso la stessa masseria con un menù a base di prodotti biologici, erbe e fiori selvatici, un ottimo vino pugliese e liquori fatti in casa.

Il Frantoio è una masseria a Marchio Parco certificata con la Carta Europea del Turismo Sostenibile CETS.

L’escursione per il riconoscimento delle erbe spontanee è gratuita. La prenotazione è obbligatoria.

Per informazioni e prenotazioni tel.0831330276 o prenota@masseriailfrantoio.it

  

Conoscenza e raccolta delle erbe spontanee commestibili nel Parco Regionale delle Dune Costiere, sabato 3 Novembre

Grespini, borragine, cicorie selvatiche, bietola selvatica, scardaccioni, rucola, ruchetta violacea e tante altre erbe ancora scopriremo insieme alla Cooperativa Serapiatra gli oliveti e i campi aperti del Parco Dune Costiere. Cestini alla mano impareremo a riconoscere le principali specie di erbe commestibili che è possibile raccogliere e consumare nei piatti della tradizione pugliese.

Partiremo dall’Albergabici, ex Casa Cantoniera ANAS di Montalbano di Fasano, e ci sposteremo in auto fino a raggiungere i campi e i pascoli in riva al mare per ricercare santoreggia, timo e altre specie aromatiche che possiamo utilizzare in cucina per preparare gustose frittate, minestre e colorate insalate. Erbe, tra l’altro, ricche di vitamine e di sali minerali utili alla nostra salute!

Info e dettagli

Percorso: lungo 1,5 km, di bassa difficoltà.

Durata: dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

Raduno: ore 10.00 presso l´Albergabici - ex Casa Cantoniera ANAS di Montalbano di Fasano (BR).

Coordinate geografiche:  N 40° 46´ 51.41´´ - E 17° 29´ 1.06´´ (Albergabici).

Note: sono consigliati abbigliamento comodo, scarpe da ginnastica e cestino e coltello per la raccolta delle erbe.

Prenotazione obbligatoria: online sul sito www.cooperativaserapia.it o telefonando al numero 366 5999514 (Pietro).

Natura e storia pedalando tra i paesaggi del Parco Regionale delle Dune Costiere, domenica 4 Novembre

Punto di partenza della cicloescursione è l’Albergabici, ex Casa Cantoniera Anas diventata centro visite del Parco Dune Costiere, con servizio di ospitalità, noleggio biciclette e ciclofficina.

Da qui, insieme alle guide della Cooperativa Serapia, inizieremo a pedalere lungo il tracciato dell’antica Via Traiana – la strada d’epoca romana che collegava Roma a Brindisi – tornando indietro nel tempo, sino alla preistoria, con la visita al Dolmen di Montalbano, mentre maestosi ulivi secolari ci guideranno fino agli specchi d’acqua retrodunali di fiume Morelli, a ridosso della lunga spiaggia sabbiosa che arriva a Torre Canne.

Sarà poi la volta delle scenografiche masserie fortificate del territorio di Ostuni:  masseria Torre Bianca, arroccata sull’omonima lama carsica, ci regalerà uno splendido panorama dall’alto, che va dall’altopiano delle Murge alla piana olivetata fino al mare Adriatico.

Info e dettagli

Percorso: lungo 15 km, di bassa difficoltà lungo strade brecciate e asfaltate a basso traffico veicolare.

Durata: dalle ore 9.30 alle ore 13.00.

Raduno: ore 9.30 presso l´Albergabici - ex Casa Cantoniera ANAS di Montalbano di Fasano (BR).

Coordinate geografiche:  N 40° 46´ 51.41´´ - E 17° 29´ 1.06´´ (Albergabici).

Note: sono consigliati abbigliamento comodo, scarpe da ginnastica e acqua. 

Prenotazione obbligatoria: online sul sito www.cooperativaserapia.it o telefonando al numero 328 0151397 (Riccardo).

Si svolgerà domenica 28 ottobrela seconda edizione della Camminata tra gli olivi, iniziativa nazionale promossa dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio che vedrà coinvolte 123 città in tutta Italia, finalizzata alla promozione della cultura dell’olio extravergine di oliva e della valorizzazione del paesaggio dell’olio.

All’iniziativa partecipa anche la Città di Fasano, aderente all’Associazione “Città dell’Olio”, insieme ad altri 17 comuni pugliesi, unica città della provincia di Brindisi.

La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa a Bari presso la sede dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione dove ogni città pugliese coinvolta nella giornata ha illustrato il proprio specifico programma della giornata. Ha presenziato per il Comune di Fasano il dott. Gianfranco Mazzotta del Sevizio Attività Produttive.

A Fasano la giornata prevede alle ore 9,00 il raduno in piazza Ciaia di tutti i partecipanti i quali, attraverso strade rurali, una volta usciti dal centro urbano, effettueranno un percorso ad anello di circa 6 Km che vedrà il passaggio per masseria Marzalossa fino a raggiungere, Masseria San Angelo De’ Graecis. Qui si svolgeranno attività didattiche legate alla conoscenza delle fasi di trasformazione delle olive in olio con la visita ad un antico frantoio che oggi ospita il Museo dell’Olio di Oliva. Non mancheranno i momenti di educazione all’assaggio rivolti in particolare a famiglie con bambini al fine di distinguere pregi e difetti dell’olio e laboratori didattici per il riconoscimento della flora mediterranea. La passeggiata si concluderà sempre a Fasano intorno alle ore 13,00 rientrando lungo la strada che costeggia Vigna Marina. Inoltre alle ore 19,00 in Largo Seggio ci sarà uno spettacolo gastronomico didattico curato dall’Accademia dei Tipici sul tema “Enogastronomia e olio evo di qualità”, mentre nel corso della giornata, ristoranti e agriturismi di Fasano proporranno menu con olii extravergini di oliva novelli prodotti nell’agro fasanese. 

La passeggiata, che vede come partener del Comune il Parco regionale delle Dune Costiere tra Torre Canne e Torre San Leonardo, il Presidio Slow Food “Piana degli Ulivi” è aperta a tutti coloro che vogliono conoscere e approfondire la cultura dell’olio extravergine di oliva scoprendo il paesaggio con le sue peculiarità e la  ricchezza di quella della cultura dell’olio che a Fasano ha radici millenarie. 

"Moltiplichiamo la flora della costa del Parco" - Piccolo corso teorico-pratico sulla moltiplicazione di piante spontanee del litorale del Parco delle Dune Costiere ´da Torre Canne a Torre San Leonardo´.  Giovedì 25 ottobre alle ore 15.00 il Parco Regionale delle Dune Costiere, insieme all’ARIF Agenzia Regionale delle Foreste della Puglia, organizza presso la "Casa del Mare - Centro Visite del Parco" (ex lido Stefhan) un piccolo corso teorico-pratico tenuto dal Dottore Forestale Ennio Santoro finalizzato a riconoscere e a moltiplicare piante spontanee che si sviluppano naturalmente lungo la costa in corrispondenza di spiagge, dune e area retrodunali del Parco.  Dal Giglio delle spiagge all’ammofila, passando per il vilucchio delle spiagge, al timo e altre piante che ognuno di noi può moltiplicare per contribuire a ricostruire habitat naturali costieri, o a estendere quelli esistenti, ricorrendo a piccoli accorgimenti che saranno illustrati durante il corso. L’incontro è rivolto ad operatori balneari, a proprietari di terreni lungo la costa e a cittadini appassionati di natura che hanno a cuore habitat costieri belli ed affascinanti quanto fragili e vulnerabili per la forte pressione turistica durante il periodo balneare.  Appuntamento alla Casa del Mare - Centro Visite del Parco (ex Lido Stefhan, accanto a Lido Morelli), alle ore 15.00. Il corso è gratuito, ma occorre prenotarsi al numero 348 1638228.

  

AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELL’ART. 7, COMMA 6, DEL D.LGS. N. 165/2001  AI FINI DELL’AFFIDAMENTO DELL’INCARICO DI CONTROLLORE DI PRIMO LIVELLO PER L’ATTIVITÀ DI ESECUZIONE DELLE VERIFICHE EX ART. 23 DEL REG. (UE) N. 1299/2013 ED ART. 125 DEL REG. (UE) N. 1303/2013 E PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE DAL PARCO NATURALE REGIONALE “DUNE COSTIERE DA TORRE CANNE A TORRE SAN LEONARDO” NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO DEL PROGETTO “LOW ADRIATIC SPECIES AND HABITAT (LASPEH)”  FINANZIATO CON IL PRIMO BANDO PER PROGETTI ORDINARI DEL PROGRAMMA INTERREG IPA CBC ITALIA – ALBANIA - MONTENEGRO 2014/2020, ASSE PRIORITARIO 3 - OBIETTIVO SPECIFICO 3.1. (CUP B66H18000090007) E NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO “DECISION SUPPORT FOR ADAPTATION PLAN (IDEAL) FINANZIATO CON IL PRIMO BANDO PER PROGETTI STANDARD PLUS DEL PROGRAMMA INTERREG V/A CBC ITALIA – CROAZIA 2014/2020, ASSE PRIORITARIO 2 - OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 (CUP B68B17000050007).

GRADUATORIA  

La masseria “Ottava Grande” sita nell’agro di Montalbano di Fasano, ha ottenuto un importante riconoscimento nell’ambito del Concorso Internazionale "La Fabbrica nel Paesaggio”.

I Club Unesco italiani, si sono riuniti sabato 13 ottobre nella splendida cornice di Palazzo Trinci a Foligno, in Umbria, per il conferimento dei premi e riconoscimenti nell’ambito del Concorso promosso dal Club per l’Unesco di Foligno e Valle del Clitunno e rivolto a coloro che hanno attivato iniziative e progetti che dimostrano una particolare sensibilità nei confronti del paesaggio.

Il concorso, giunto alla nona edizione, è stato articolato in due sezioni. La prima riservata ad imprenditori che hanno realizzato o ristrutturato la sede della propria attività con particolare attenzione all’ambiente e al paesaggio. L’altra ha riguardato amministrazioni ed istituzioni che abbiano promosso, attuato o ristrutturato opere di utilità pubblica e sociale nel campo della pianificazione e gestione del territorio.

La masseria Ottava Grande proposta dal Club UNESCO di Brindisi è risultata tra i casi di eccellenza in Italia. 

L’importante sito di interesse storico-culturale con la sua torre cinquecentesca, gli insediamenti rupestri e il frantoio ipogeo, immersa nel paesaggio storico della piana degli oliveti monumentali di Fasano e Ostuni, opera in sintonia con il Parco delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo. Fa parte del complesso masseriziola splendida chiesa di San Pietro in Octava del XII secolo, recuperata dalla proprietàcon il contributo del GAL Alto Salento, rappresenta un piccolo pezzo di paradiso dell’agro di Montalbano di Fasano rimasto intatto nei secoli, e che fa da cornice a eventi e iniziative di pregio.

La giuria composta da componenti del Ministero dei Beni e attività culturali – Sezione UNESCO, dall’Osservatorio Europeo del Paesaggio, dall’ICOMOS, il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti, organo consultivo dell’UNESCO,ha assegnato la Menzione speciale del Premio alla masseria Ottava Grande con questa motivazione “In un luogo ricco di stratificazioni, dall’antichità ad oggi, l’intervento recupera con cura le preesistenze ma anche i valori religiosi e di pellegrinaggio storicamente caratterizzanti questo tratto della via Francigena Inferiore".

La cerimonia si è svolta alla presenza delle più alte cariche istituzionali con il saluto iniziale del Presidente del Consiglio regionale dell’Umbria Donatella Porzi, a cui ha fatto seguito l’intervento della presidente della Federazione italiana dei Club e Centri per l’Unesco Mariapaola Azzario, del Presidente della Federazione Europea dei Club e Centri per UNESCO Daniela Popescu e della coordinatrice del premio Gabriella Righi del Club per l’Unesco di Foligno. Presenti alla cerimonia di premiazione la prof.ssa Clori Palazzo in rappresentanza del Club per l’Unesco di Brindisi, Nicoletta Tanzarella e Roberta Mussardoin rappresentanza della masseria Ottava Grandee il direttore del Parco delle Dune Costiere Gianfranco Ciola. 

 A Torino si è tenuto il grande mercato italiano e internazionale dei contadini di tutto il mondo con centinaia di appuntamenti, laboratori, conferenze, forum tematici sulla tematica: food for change. Scegliere un cibo in luogo di un altro significa schierarsi, non essere indifferenti al pianeta in cui viviamo e alle sue risorse, pensare al futuro. Si può cambiare il mondo dalla scelta del cibo.

Carlo Petrini (fondatore di Slow Food) ai delegati di Terra Madre Salone del Gusto: “Prendiamo coscienza che nel mondo 500 milioni di piccole realtà produttive, a conduzione familiare, piccole aziende o cooperative nutrono l’80% dell’umanità. Eppure si parla solo di multinazionali. Ma le multinazionali danno da mangiare al 20% dell’umanità e lo fanno pure male, mentre creano sottosviluppo e sopraffazione. Non tollerate manipolazioni genetiche, non accettate speculazioni, conservate  i semi come beni comuni della comunità.

Apriamoci ai movimenti che troviamo nelle nostre regioni, creiamo alleanze con i giovani che possono cambiare questo mondo, ascoltiamo le popolazioni indigene e lottiamo contro coloro che le vogliono distruggere, lottiamo perché l’ecosistema sia mantenuto e perché l´ambiente non sia più distrutto. E il cibo, che è il massimo elemento di relazione, diventi il simbolo per poter cambiare questo mondo.”

A raccontare il pomodoro regina e il territorio di coltivazione sono stati i giovani che quest’estate hanno frequentato i laboratori della tessitura dei pomodori e di cotone.

In collaborazione con l’Ente Parco, il Centro Ortofrutticolo Mediterraneo, il Giugno Fasanese, l’Associazione dei produttori del Presìdio Slow Food ha allestito uno stand artistico che ha promosso la tipica produzione agroalimentare locale. Sono andate in scena le tecniche di lavorazione, i costumi, la cultura del cibo, le bellezze paesaggistiche e culturali che esprime la comunità e il suo territorio. Lo stand ha riscontrato un forte interesse dei delegati internazionali, mezzi di comunicazione e visitatori. Una bella esperienza vissuta con gioia, entusiasmo dai 11 standisti volontari giovani e mamme.

“Abbiate fiducia: tutti insieme possiamo dare vita al cambiamento che vogliamo. E in ultimo, siate generosi, la generosità ci permette di mantenere le relazioni ed è il nostro modo d’essere, quello che ci distingue. Viva Terra Madre».

Così saluta tutti i partecipanti Carlo Petrini alla manifestazione di chiusura dell’evento.

Il Parco Naturale Regionale Dune Costiere ‘da Torre Canne a Torre San Leonardo’, ha partecipato alla 26° edizione dell’evento nazionale promosso da Legambiente Onlus e sostenuto dal Comune di Ostuni. 

In questa occasione, la giornata di domenica 30 settembre, ha visto un’inedita ciclo-pulizia della via Traiana, in collaborazione con i ragazzi ospiti nel centro di accoglienza della Masseria Lo Spagnulo, e degli operatori della cooperativa sociale Il Melograno, che si occupa dei servizi sociali e dell’integrazione dei ragazzi de Lo Spagnulo.

Un emozionante esempio di vita di comunità, di interrelazione culturale e convivenza multietnica.

Il presidente del Parco, Lavarra, commenta: “Abbiamo dato una piccola significativa prova che la tutela ambientale dei beni comuni contro l’inquinamento e l’incuria sono presi in carico dalle persone e dalle comunità. E la presenza di diverse etnie si può esprimere anche con la fattiva partecipazione ad azioni comuni. Quel che abbiamo vissuto sulla via Taiana ci incoraggia a realizzare un progetto di integrazione delle comunità dei migranti ospiti dei centri su cui stiamo lavorando da tempo e che vuole incardinarsi su programmi formativi (ripristino muretti a secco, cura degli spazi, manutenzione di aree, sorveglianza), di monitoraggio e conoscenza degli ecosistemi, di apprendimento delle lingue, di servizi di pubblica utilità”.

Siamo umani, restiamo umani. Nel rispetto della natura e della dignità umana.

  

Newsletter

Social

Aziende certificate CETS

Ente Parco

>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>

Link

Il Parco aderisce a:
PARCO NATURALE REGIONALE "Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo" - e-mail PEC parcodunecostiere@pec.it