Sei in: home

News

Eventi

L´Associazione Polyxena vi invita a partecipare, Sabato 1 Luglio e Domenica 2 Luglio 2017,  a due importanti appuntamenti sulla tutela della biodiversità in Puglia e per avvicinare il grande pubblico alla ricerca scientifica. I due eventi ricadono all´interno della Butterfly Week Puglia 2017 e hanno il supporto di Friend of the Earth.

La Butterfly Week è un’iniziativa di ricerca che coinvolge ricercatori e cittadini. Ogni anno viene scelta una diversa destinazione e, per una settimana, un gruppo di ricercatori internazionali viaggia, attraverso splendide regioni Italiane, per raccogliere e studiare le farfalle allo scopo di scoprirne e descriverne la diversità, ancora in gran parte sconosciuta. Dopo l´Arcipelago Toscano, la Calabria, la Basilicata e le isole Eolie, dal 26 Giugno al 02 Luglio, sarà la volta della Puglia ospitare gli studiosi da numerose Università italiane e straniere, che avranno modo di visitare alcune importanti aree naturalistiche: dal Parco dell´Alta Murgia, alla Riserva dei Laghi di Conversano, dal Salento al Parco delle Dune Costiere. Con circa 280 specie residenti, l’Italia è il Paese europeo con la più grande diversità di farfalle in Europa, ma ancora poco si conosce della loro struttura e ricchezza genetica. Questo studio estensivo, che è parte del progetto BIB (Barcoding Italian Butterflies) potrà rivelare l’esistenza di specie fino a oggi sconosciute e di linee genetiche endemiche del nostro paese, attraverso il "DNA barcoding". Durante questi viaggi i ricercatori incontrano il pubblico per spiegare l’importanza delle farfalle e per coinvolgere i cittadini sulle possibili azioni di conservazione.

Nell´intenso programma, Polyxena vi invita a due iniziative. 

Sabato 1 Luglio alle ore 16:00, presso il Giardino Botanico Lama degli Ulivi, è in programma un Convegno dal respiro internazionale. Saranno presentate le iniziative di ricerca dei gruppi invitati e sarà possibile dialogare con i ricercatori delle Università di Torino, Firenze, Barcellona e con i soggetti promotori di progetti, come "Friend of the Earth" e "Farfalia - Casa delle Farfalle", legati alla biodiversità. Al termine del percorso sarà offerto un piccolo rinfresco.  In occasione del Convegno, sarà inaugurata la mostra di tavole naturalistiche, dedicate alle farfalle italiane, che sarà visitabile fino alla fine di Luglio.

Domenica 2 Luglio, alle ore 10:00in una passeggiata nell’ex cava di Pezza Caldara nel Parco delle Dune Costiere sarà invece possibile affiancare i ricercatori durante una liberazione delle farfalle, allevate all´interno di "Farfalia". Durante l´escursione saranno forniti esempi di campionamento e monitoraggio delle farfalle.

Per partecipare al convegno e/o all´escursione è necessario inviare la propria adesione via mail a info@polyxena.eu. La preghiamo di inviarci conferma della Sua partecipazione entro venerdì 30 Giugno (indicando nome, numero di partecipanti e un riferimento telefonico).

Friend of the Earth, organizzazione non governativa che si occupa di certificare i prodotti alimentari provenienti da agricoltura sostenibile, al fianco di Polyxena, ha come obiettivo la conservazione delle farfalle in pericolo e la sensibilizzazione del cittadino e del consumatore verso questo tema. Per questo motivo sostiene il progetto "Farfalia": nella Casa delle Farfalle, in un ambiente protetto, le specie minacciate si riproducono e i nuovi individui vengono poi utilizzati per il ripopolamento in natura.

Nel 2016 nel Giardino Botanico "Lama degli Ulivi" a Monopoli (Bari) è stata inaugurata "Farfalia", un laboratorio all’aria aperta in cui poter osservare, davvero da vicino, la biologia e l´etologia di questi insetti, la cui esistenza, importante per l’equilibrio degli ecosistemi, è spesso minacciata anche dall’impatto dell’Uomo.

L’associazione Polyxena è nata nel 2009 con l’obiettivo di promuovere e tutelare la biodiversità attraverso la ricerca scientifica, l´educazione ambientale e il turismo sostenibile. Dal 2011 è partner per l´Italia della Butterfly Conservation Europe, network europeo per la tutela delle farfalle e dei loro habitat, fondato dal celebre documentarista inglese della BBC David Attenborough. 

Concerto al tramonto tra i seminativi del Parco Regionale delle Dune costiere - Masseria Fontenuova

Manifestazione organizzata dalla Ghironda con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sullo sfondo, i pascoli sconfinati che giungono al mare punteggiati dagli ulivi secolari modellati dal vento. In primo piano, il pianoforte con le improvvisazioni jazz di Danilo Tarso. Musica e natura si incontrano nel concerto al tramonto in programma domenica 2 luglio, alle ore 19,00 nella magica atmosfera della Masseria Fontenuova, nel Parco Naturale delle Dune Costiere. L’appuntamento esclusivo, rappresenta una delle tappe di avvicinamento a Piano Lab, l’evento della Ghironda con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri interamente dedicato al re degli strumenti, il grande protagonista dell’estate pugliese. 

C´è uno dei luoghi più incantevoli dell’area naturale protetta, tra le dieci località della regione scelte per promuovere la due giorni del 12 e 13 agosto a Martina Franca, quando in occasione della festa civile «Martina Angioina», organizzata dall’amministrazione comunale, verranno suonati in contemporanea diversi pianoforti in vari punti della città per far incontrare i grandi interpreti e quei professionisti o anche semplici appassionati che avranno riservato la loro performance sul sito della manifestazione www.pianosololab.com.

Sarà possibile  prenotarsi per suonare il pianoforte nella due giorni di Martina Franca anche nella Masseria Fontenuova di Ostuni, dove lo strumento verrà messo a disposizione di chiunque voglia testare il proprio talento al termine del concerto di Danilo Tarso, ventiseienne pianista tarantino, perfezionatosi in ambito classico con Bruno Canino, Roberto Cappello, Pierluigi Camicia e Michele Marvulli prima di intraprendere i sentieri del jazz con Nico Morelli, incontrare sulla propria strada Franco D’Andrea, Rita Marcotulli, Stefano Bollani e molti altri grandi interpreti e farsi notare a festival internazionali come Time in Jazz di Berchidda, Bimhuis di Amsterdam e il Locomotive Jazz Festival di Lecce, dove nel 2015 vince il Premio Locomotive Giovani.

Affascinanti le musiche che Danilo Tarso proporrà nei seminativi di Masseria Fontenuova, dove improvviserà mescolando temi della tradizione americana di Duke Ellington, Thelonious Monk e John Coltrane con la musica brasiliana, la canzone italiana e il repertorio colto.

Modalità di iscrizione e partecipazione su www.pianosololab.com.

Appuntamento alle ore 18,30 a masseria Fontenuova, percorreremo a piedi i sentieri che dalla masseria giungono a lama Torre Bianca dove si terrà l´evento. Si consiglia di vestirsi comodi e indossare scarpe comode, di portarsi una stuoia o un telo per sedersi e una torcia per il rientro. 

Domenica 2 luglio Cicloescursione tra natura e storia lungo la costa adriatica, dal Parco Dune Costiere ad al Parco archeologico di Egnazia

Partendo dall’Albergabici, centro visite del Parco Regionale Dune Costiere, con le guide della Cooperativa Serapia si pedalerà lungo la Via Traiana, antica via romana voluta dall´imperatore Traiano per collegare Roma a Brindisi, tornando indietro nel tempo sino alla preistoria con la visita al Dolmen di Montalbano, mentre maestosi ulivi secolari ci guideranno fino all´antica città messapica di Egnazia. Qui ci attenderà una visita al Museo e al Parco Archeologico, tra le terme, l´anfiteatro ed il tempio della dea Cibele.

Una sosta centrale la vivremo presso l´Archeolido, azienda a marchio CETS, dove lasceremo le nostre bici e potremo tuffarci nella acque cristalline dell´Adriatico, in quello che era l´antico porto di Egnazia. Qui consumeremo il pranzo a sacco, mentre chi vorrà potrà assaggiare prodotti tipici, freschi vini o un buon caffè.

Risaliti in sella, nel primo pomeriggio sarà la volta delle scenografiche masserie fortificate del territorio fasanese, che ci accompagneranno lungo le tranquille stradine della piana olivetata fino al punto di partenza.

Info e dettagli

Percorso: distanza 40 km, dislivello + 250 m., difficoltà bassa. Tracciato misto: strade asfaltate e brecciate. Si richiede un buono stato di forma fisica.

Durata: dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Raduno: ore 9.00 presso l´Albergabici del Parco Dune Costiere c/o la Casa Cantoniera Anas di Montalbano di Fasano, ex S.S. 16 Fasano - Ostuni km 870.

Coordinate geografiche: 40°46´51.41"N 17°29´1.06"E

Note: si consiglia abbigliamento comodo, scarpe da ginnastica, crema solare e costume da bagno. Pranzo a sacco e acqua a carico dei partecipanti.

Prenotazione obbligatoria: online cliccando sul tasto PRENOTA dal sito www.cooperativaserapia.it o telefonando al numero 328 0151397. Indicare in fase di prenotazione il numero delle biciclette a noleggio.

In Twizy scoprendo Egnazia

2 luglio Domenica al museo: escursione in auto elettrica lungo la costa adriatica, dal Parco Dune Costiere al Parco archeologico di Egnazia

A bordo di simpatiche e silenziosissime biposto elettriche della For Play srl, la Cooperativa Serapia vi condurrà lungo tutto il percorso letterario sulla Via Traiana, inaugurato di recente dal Parco Dune Costiere ad Egnazia.

Un´esperienza unica dove avventura, storia e natura si legheranno alla perfezione!

Il nostro tour vedrà nel suo itinerario le soste a Fiume Morelli, dove ci fermeremo a passeggiare per ammirare la zona umida del Parco, che rappresenta un habitat unico e inconfondibile, alla masseria Pettolecchia, splendida residenza fortificata, al Dolmen di Montalbano e al Parco archeologico di Egnazia, dove ci attenderà una visita guidata del tutto particolare tra le terme, l´anfiteatro ed il tempio della dea Cibele.

Una sosta centrale la vivremo presso l´Archeolido, azienda a marchio CETS, dove ci sarà il tempo necessario per una piccola degustazione di prodotti tipici e un buon vino e, chissà, farsi anche il primo bagno della stagione.

Quasi al tramonto, ritorneremo con le nostre Twizy verso sud, alternando le calette agli oliveti secolari di Savelletri ed ai ficheti di Torre Canne.

Info e dettagli

Percorso: ad anello, lunghezza circa 70 km, difficoltà bassa. Adatto a tutti.

Durata: dalle ore10.00 alle ore 19.00.

Raduno: ore 10.00 presso la stazione ferroviaria di Ostuni

Coordinate geografiche:   40° 45.125´ N  17° 34.836´ E.

Note: si consiglia di indossare abbigliamento comodo, un cappellino e scarpe da ginnastica.

Prenotazione obbligatoria: online cliccando sul tasto PRENOTA dal sito www.cooperativaserapia.it o telefonando al 328 6474719 entro le ore 14 di sabato 1 luglio. Al momento della prenotazione è necessario inviare all’indirizzo mail info@cooperativaserapia.it la copia della patente di colui che si presterà alla guida della Twizy.

  

Firmato a Bari, nella sede del Polo Museale della Puglia, un protocollo d’intesa  tra Polo Museale della Puglia,  Federparchi Puglia e Teatro Pubblico Pugliese. Nell’accordo, sottoscritto da Fabrizio Vona, direttore del Polo Museale della Puglia, Enzo Lavarra, responsabile di Federparchi Puglia e Carmelo Grassi, presidente del Teatro Pubblico Pugliese, si propone di perseguire e tradurre in concretezza le missioni e gli obiettivi del Piano Strategico del Turismo Nazionale e del Piano Strategico del Turismo Regionale declinando in modo originale e innovativa l’opzione strategica della integrazione tra beni culturali, ambientali,  naturalistici e produzione culturale teatrale. In questo modo si eleva a dimensione di sistema regionale integrato la positiva concreta sperimentazione che da alcuni anni è stata avviata dai tre Enti in luoghi e progetti simbolo come Egnazia (Percorso ciclabile-letterario, cartellonistica, formazione) Puglia Green Hour (su dodici aree naturali protette), Misteri e Fuochi.

 “Vogliamo dare impulso e contributo determinante”, dicono i firmatari dell’accordo,  Fabrizio Vona, Enzo Lavarra e Carmelo Grassi,  “a consolidare e fare evolvere il rango internazionale che su questo terreno caratterizza la Puglia e che costituisce paradigma di sviluppo, incentrato sulla valorizzazione anche economica dei beni culturali e ambientali, di cui è ricca la nostra terra e su cui si svolge la proficua collaborazione con il governo regionale e gli assessorati competenti”. 

Da sabato 24 Giugno e fino a domenica 10 settembre il Parco Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo, in collaborazione con la cooperativa SERAPIA, svolgerà una campagna di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione degli incendi e di possibili danneggiamenti agli habitat natuali presenti lungo la costa.

Gli infopoint saranno presieduti dalle ore 10.00 alle ore 14.00 in corrispondenza della foce di Fiume Piccolo a Torre Canne e sulla spiaggia antistante Lido Bosco Verde al Pilone.

I 2 infopoint in contemporanea saranno allestiti impiegando ombrelloni, tavoli e sedie del Parco Dune Costiere e personale qualificato della cooperativa Serapia, dal 2011 impegnata nella didattica e ricerca scientifica ambientale nonché certificata con la Carta Europea del Turismo Sostenibile.

Oltre a fornire informazioni sulla fragilità e sull’importanza della conservazione dell’ambiente costiero e dunale, anche attraverso la distribuzione di materiale informativo, gli operatori, terranno laboratori didattici per bambini in spiaggia per illustrare la fauna e la flora che abita il Mediterraneo e la costa dell’area naturale protetta.

Sarà quindi anche l’occasione per promuovere la favola edita da Adda Editore “Alessandrino il Fratino e la zia Posidonia”, ambientata nel Parco delle Dune Costiere e avente come protagonisti due “abitanti” tanto illustri quanto a forte rischio estinzione dell’area protetta.

La campagna sarà non a caso effettuata nelle aree costiere del Pilone e di Torre Canne ritenute luoghi particolarmente importanti per la conservazione di alcune specie a rischio e quindi critici per gli habitat costieri durante l’estate, quando forte è la pressione dei bagnanti sui fragili equilibri su cui reggono gli ambienti naturali costieri.  

Il Parco pugliese individuato come buona pratica sul turismo sostenibile in Italia dal Ministero Beni e attività culturali e turismo

La giornata sulla “Sostenibilità, Turismo e Beni Culturali”, voluta ed organizzata dal Ministero Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, nell’ambito dell’anno internazionale della sostenibilità del Turismo delle Nazioni Unite. Figure di spicco nel panorama del settore turistico nazionale ed internazionale si sono confrontati per definire obiettivi, indicatori e buone pratiche del modello italiano di sostenibilità turistica e dei beni culturali. Presenti il Ministro dei Beni e Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini ed il Segretario Generale delle Nazioni Unite per il turismo UNWTO (United National Word Tourism Organization) Taleb Rifai.

L’importanza della giornata è data infatti dalla relazione virtuosa fra Illustrazione del Piano Strategico Nazionale del Turismo con il racconto di chi nei diversi settori già sperimenta da tempo e dunque anticipa le opzioni strategiche del Piano attorno al criterio della sostenibilità. Sostenibilità del turismo che l’Organizzazione delle Nazioni Unite sul Turismo UNWTO ha indicato come criterio identitario del turismo tour court nel presente e nel futuro. E che con la tutela delle risorse naturali si valorizzano altre attività economiche come fattore di crescita duratura.

Nella prima sessione hanno parlato Gianfranco Battistini, Presidente di Federturismo, Paola Concia  assessore al Turismo del Comune di Firenze, Cristina Collu, Direttore della Galleria di Arte Moderna di Roma, Oriana Coccu, del Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Paola Dubini, dell’Università Bocconi, Maria Carmela Giarratano Direttore Generale per la Protezione della Natura e del mare del Ministero dell’Ambiente, Paolo Gricolii, Direttore della Scuola Management Turismo e Cultura di Trento, Francesco Palumbo Direttore Generale della Direzione Turismo del Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo.

Nella seconda sessione, momento centrale è stato il racconto del Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo come esperienza pilota che già realizza uno degli obbiettivi del Piano Strategico Nazionale sul Turismo: trasformare i grandi attrattori - in questo caso ambiente e natura sulla costa - come porta di acceso in direzione di altri beni straordinari presenti nell’entroterra, come quelli dei centri storici, delle emergenze culturali ed archeologiche, delle eccellenze enogastronomiche, al fine di dare valere alle aree interne e decongestionare la costa.

Il Direttore del Parco Gianfranco Ciola ha illustrato l’importanza strategica della Carta Europea del Turismo Sostenibile CETS con la quale il Parco è stato certificato con la fase I nel 2012 da Europarc. La successiva certificazione della fase II della CETS dedicata agli operatori privati, ha visto il Parco svolgere una funzione pilota in Italia insieme al Parco dell’Adamello Brenta, nel coinvolgimento di operatori economici del settore turistico, agrituristico e dei servizi, i quali hanno volontariamente assunto degli impegni per la tutela del territorio, per la cooperazione tra imprese e per la promozione dei servizi di fruizione e conoscenza sostenibile dell’area naturale protetta.

Per il Presidente del Parco Enzo Lavarra "Oggi è stata tappa fondamentale per il Parco. La nostra esperienza è al massimo livello riconosciuta come riferimento nazionale ed europeo e come caso di studio dell´Onu. Parco Dune Costiere è stato indicato come avanguardia della Carta Europea del Turismo perché interpretata non solo come certificazione di qualità del territorio e dei suoi standard ambientali, ma come strumento di gestione pubblico - privato che genera impresa e che il Direttore Generale della Direzione Generale del Turismo del MiBACT Francesco Palumbo ha indicato come modello anche per la gestione dei beni culturali.

Da noi infatti si promuove impresa nella sfera agricola e dei servizi, logica di filiera e di rete e dunque reddito, occupazione. Ovvero accoglienza rurale nelle masserie e dimora storiche, turismo dolce, circuito integrato che incrocia aree archeologiche via Traiana, dolmen e insediamenti rupestri.

Del resto la firma di un protocollo di collaborazione con il Parco Regionale dell’Appia Antica suggella questa dimensione e indica nella prospettiva dei cammini (Appia, Francigena, Traiana, Bicitalia ed Eurovelo, ….) lo sviluppo di attività economiche di grande rilievo e la qualificazione di infrastrutture materiali e immateriali come corollario necessario degli itinerari che ci rivengono dal patrimonio della umanità”.

Questi due Parchi regionali si faranno promotori nel coinvolgere altri Parchi presenti lungo il percorso dell’Appia-Traiana dal Lazio, alla Campania, alla Basilicata fino alla Puglia, nel perseguimento dell’obiettivo di dare valore all’ itinerario più importante del centro-sud Italia per sviluppare un turismo lento in grado di impattare al minimo con le risorse naturali e storico-culturale.

A sottoscrivere il protocollo d’intesa, oltre al Presidente del Parco Regionale dell’Appia Antica Mario Tozzi e al Presidente del Parco Regionale delle Dune Costiere Enzo Lavarra, anche il Vicepresidente di Legambiente Nazionale Edoardo Zanchini, il Presidente del Touring Club Italiano Franco Iseppi e il Vicepresidente di Federparchi Italia Vittorio Alessandro. Testimone della sottoscrizione del protocollo d’intesa Dorina Bianchi Sottosegretario del Ministero dei beni e attività culturali e del turismo. 

Ripulita via Occhio Piccolo dall’Albergabici al Dolmen di Montalbano

Comuni cittadini, volontari, rappresentanti delle istituzioni, insieme per trascorrere un pomeriggio all’insegna della cura e del rispetto del territorio e dell’ambiente.

Sono i sentimenti che sabato scorso, 10 giugno, hanno guidato un nutrito gruppo di volontari, composto da cittadini di Montalbano, da residenti della contrada Occhio Piccolo, da operatori del Parco naturale delle Dune costiere, da volontari della Protezione civile della associazione “Cb Quadrifoglio” di Montalbano, che, su spinta e iniziativa del consigliere comunale e provinciale Giuseppe Pace (intervenuto anche lui di persona con tanto di tagliaerba al seguito), si sono presi cura del territorio ripulendo il tratto di strada comunale che dalla ex statale 16 (all’incrocio con via Aspromonte nel centro abitato di Montalbano) passando per “Occhio Piccolo” e fino al Dolmen di contrada Piscomarano.

Dopo tre ore di lavoro e dopo aver raccolto un ingente quantitativo di rifiuti, tra ingombranti, bottiglie di plastica e di vetro, cartoni, il gruppo di volontari è ritornato all’Albergabici – Centro Visite del Parco, ubicato proprio nei pressi della zona ripulita, per salutarsi e per darsi appuntamento a breve per un’altra iniziativa simile.

Un piccolo gesto per dare il giusto valore al territorio a vantaggio della qualità della vita di chi lo abita e dei tanti visitatori che sempre più lo percorrono a piedi e in bici per ammirarne la bellezza custodita quotidianamente dal lavoro di tanti agricoltori. 

Grazie alla preziosa collaborazione che, anno dopo anno, si è instaurata con le aziende che operano al suo interno, il Parco vuole presentarsi come uno dei protagonisti dell’estate, di chi vuole continuare a scoprire le grandi risorse del territorio.

Suggestive escursioni e facili camminate con l’accompagnamento degli educatori ambientali, pedalate per tutta la famiglia al tramonto e sotto le stelle, laboratori naturalistici e della tradizione, letture animate, giochi e avventure per i più piccoli, sono alcune delle esperienze che si possono vivere partecipando ad una delle attività proposte dal programma.

Ancora, si può scegliere di andare alla scoperta dei segni della storia e dell’attività dell’uomo nel tempo, a bordo di auto elettriche, da Ostuni fino ad Egnazia; percorrere i sentieri del Parco in carrozza o a cavallo, oppure vedere il Parco dal mare, a bordo di simpatiche canoe trasparenti o di tradizionali imbarcazioni.

Impegnative, ma affascinanti, infine, sono le escursioni in grotta, alla scoperta del “Parco sotterraneo”.

Scarica il programma completo (.pdf)

Passeggiata serale tra il mare, le dune e la zona umida di fiume Morelli 

Questa volta sarà la magica luce della luna piena di agosto a farci scoprire i segreti delle dune e delle acque di Fiume Morelli. La vedremo nascere dal mare e poi rispecchiarsi nelle acque interne del Parco Dune Costiere, popolate da cefali dorati, anguille e uccelli acquatici. Le guide della Cooperativa Serapia vi faranno conoscere anche la Peschiera con i suoi ambienti e la sua storia legata a saperi antichi. La luna e le stelle ci guideranno poi lungo i sentieri retrodunali e saranno protagoniste di celebri poesie che decanteremo all’interno dell’antica peschiera e ai piedi del Grande Nonno, il ginepro coccolone plurisecolare simbolo dell’area protetta. Tra storie, poesie e canzoni, passeremo la serata passeggiando in tranquillità e, per chi vorrà, a piedi nudi, godendoci sensazioni e profumi mediterranei che solo questo piccolo angolo di Parco sa regalare.

Degustazione di prodotti locali

Ci sarà anche un momento dedicato ai sapori tipici locali organizzato in collaborazione con i fratelli Gallo, gestori di Lido Morelli. La freschezza dei Cocomeri Barattieri, ortaggi espressione vera dell’ingegno e della storia agraria fasanese, si unirà con la filante mozzarella di caldi panzerotti preparati al momento a cui si accompagnerà una bibita speciale per tutti! L’iniziativa è realizzata da Serapia e da Lido Morelli, entrambe azienda aderenti alla Carta Europea del Turismo sostenibile del Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo.

Info e dettagli

Percorso a piedi: ad anello, lunghezza 3 km, difficoltà bassa. Adatto a tutti.

Durata: dalle ore 19.30 alle ore 23.00.

Raduno: ore 19.30 al parcheggio di Lido Morelli raggiungibile dalla S.S. 379 Bari – Brindisi, uscita Pilone - Rosamarina

Coordinate geografiche:  N 40° 48.637´ - E 17° 31.437´

Note: si consiglia di indossare abbigliamento e scarpe comode

Prenotazione obbligatoria: online cliccando sul tasto PRENOTA o telefonando al 3286474719, preferbilmente entro le ore 10 del 9 giugno. 

Newsletter

Social

Aziende certificate CETS

Ente Parco

>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>

Link

Il Parco aderisce a:
PARCO NATURALE REGIONALE "Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo" - e-mail PEC parcodunecostiere@pec.it